La gestione del lavoro intermittente

Il contratto di lavoro intermittente (detto anche a chiamata) è disciplinato dal D.Lgs. n. 81/2015 (artt. 13 – 18), ed è il contratto, anche a tempo determinato, mediante il quale un lavoratore si pone a disposizione di un datore di lavoro che ne può utilizzare la prestazione lavorativa in modo discontinuo o intermittente secondo le esigenze individuate dai contratti collettivi, anche con riferimento alla possibilità di svolgere le prestazioni in periodi predeterminati nell’arco della settimana, del mese o dell’anno. In mancanza di contratto collettivo, i casi di utilizzo del lavoro intermittente sono individuati con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Aggiornata al 9 novembre 2022

Riproduzione riservata ©